• Kungfu & Taichi

Alle prime Armi

Le armi sono un elemento affascinante e tipico della tradizione marziale. Ma quante ce ne sono nel Kung Fu e nel Tai Chi? E dopo quanto tempo si impara a maneggiare una spada o un alabarda?



Chiunque si avvicini a un corso di Arti Marziali si è posto la fatidica domanda: "Quanto tempo ci vuole?". Il fascino del saper far roteare un bastone in maniera efficace o di impugnare saldamente una spada e destreggiarsi in forme e tecniche porta con sé un sapore orientale irresistibile.


L'invenzione delle armi si perde nell'evoluzione dell'uomo che, per necessità di caccia e di difesa, si trovava costretto ad affrontare animali dotati di zanne, unghie e denti decisamente più affilati e sviluppati di quelli dell'uomo.

Dall'evoluzione degli "attrezzi" rudimentali e grezzi, utilizzati agli albori dell'uomo, sono nate le armi che venivano usate nei sistemi di lotta popolare e che ritroviamo ancora oggi in svariati stili di Arti Marziali.


Nel praticare, l'arma non è semplicemente un oggetto, ma è la risposta alle domande della vita.

Quali sono le armi nei nostri corsi?


Che si pratichi Tai Chi oppure Kung Fu, nei nostri corsi l'apprendimento delle armi è riservato alle cinture di alto grado.

L'arma è un prolungamento dei propri arti, pertanto l'allievo necessita di molta pratica ed esperienza a mano nuda prima di potersi avvicinare alla prima arma della disciplina scelta.

Nel programma di studio sono previste diverse tecniche con armi, le più significative e degne di nota sono Bastone, Lancia, Alabarda, Sciabola e Spada, divise in base alla cintura o grado. L'argomento può essere approfondito in questa sezione del sito.



Bong - Bastone

Tipicamente associato al viaggiatore o al saggio, il Bastone è una delle quattro armi principali nelle Arti Marziali. La sua lunghezza dipende dalla statura del praticante: il Bastone deve, infatti, misurare da terra fino al 3° Dan Tien che si trova circa in mezzo alla fronte.

Apparentemente inoffensivo, in quanto privo di punte acuminate o lame, il Bastone è in realtà estremamente efficace se manovrato con la giusta destrezza.

La tecnica di Bastone è prevista nel programma di cintura Azzurra nel Kung Fu e di cintura Arancione nel Tai Chi.







Qiang - Lancia

Simile al Bastone, si differenzia per la punta in metallo capace di affondare a grande distanza.

Utile nel combattimento per tenere il nemico lontano, la Lancia presenta appena sotto alla punta un inserto a "ciuffo" di colore rosso che, nel maneggiare l'arma, si fa roteare sul proprio asse in modo da distrarre e confondere l'avversario, riducendo così la sua percezione della profondità. La lunghezza della Lancia varia dai 170 ai 200 cm e l'insegnamento è previsto nel programma di cintura Azzurra nel Kung Fu e di cintura Rossa nel Tai Chi.








Guan Dao - Alabarda

Caratterizzata dall'uso in movimenti circolari e rotatori, l'Alabarda è conosciuta come l'"arma del forte" per via del suo peso che può arrivare fino a 15kg.

È dotata di una punta a lancia sulla parte iniziale dell'asta e di una lama a "falcione" all'estremità opposta, caratterizzata da un lato affilato e da un lato frastagliato utile ad agganciare e disarmare.

In vari punti dell'Alabarda sono collocati degli anelli che, con il loro tintinnio e movimento, disorientano e distraggono l'avversario.

La tecnica di Alabarda è prevista nel programma di cintura Azzurra nel Kung Fu.






Dao - Sciabola

Arma da utilizzare a una sola mano, la Sciabola si caratterizza per la maneggevolezza dovuta all'incurvatura dell'impugnatura e alla forma della lama, che ne potenzia la capacità di taglio.

L'elsa a forma di disco presenta dei bordi rialzati che anticamente servivano a evitare che pioggia o altri agenti potessero diminuire l'aderenza all'impugnatura, garantendo così una presa salda durante la rotazione dell'arma. La Sciabola è dotata di 2 drappi colorati, utili sia a distrarre l'avversario sia ad asciugare e/o rimuovere eventuale sporcizia dalle mani e dall'arma.

La tecnica di Sciabola è prevista nel programma di cintura Rossa nel Kung Fu e di cintura Verde nel Tai Chi.



Jian - Spada a doppio taglio

Definita "l'arma per eccellenza", la spada dritta Jian è tipicamente associata al Tai Chi.

Di lunghezza variabile tra 60 e 80 cm e dal peso tra 600 e 800 gr, la spada Jian ha un importante valore culturale: essa personifica ed esprime, infatti, alcuni aspetti dello spirito del popolo cinese.

Celebrata nelle leggende e nell’arte da migliaia di anni, è divenuta uno dei simboli più rappresentativi dei valori profondi e dei precetti morali della cultura cinese.

La Spada e la sua arte sono conosciute rispettivamente come arma e come pratica propria dei gentiluomini, poiché la "Jianshu" (letteralmente arte della spada) richiede e sviluppa attributi lodevoli quali calma interiore, pacatezza, correttezza e precisione dei movimenti; bellezza, grazia ed armonia; padronanza di tecniche di altissimo livello eseguite con maestria; fluidità ed esperienza.

L’arte della spada richiede che l’intenzione Yi, lo spirito Shen e l’energia Qi siano presenti nei movimenti e ne siano fonte: la destrezza e la forza fisica sono dunque secondarie a quanto raggiunto nella coltivazione di Yi, Shen e Qi.

La tecnica di Spada è prevista nel programma di cintura Azzurra nel Tai Chi.



La spada degli Otto Saggi Immortali


La cultura delle armi tradizionali è talmente importante nelle Arti Marziali che le stesse forme affondano le proprie radici nella leggenda: è il caso della forma Pakwa Pa Shin Ken, ovvero la spada degli otto saggi immortali della montagna, di cui parleremo in un articolo dedicato.

86 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Le otto basi